U.B.A. – Unity of Brokers Assurance

News

Archive for News

Imposta RC auto. Aggiornamenti. 01.07.2013

U.B.A. vi aggiorna sulle novità del mercato assicurativo. Questo articolo si riferisce all’imposta RC auto.

Con riferimento al d.lgs. 6 maggio 2011 che ha introdotto il cosiddetto federalismo fiscale altre quattro provincie italiane a partire dal 1° marzo 2013, hanno deliberato l’aumento dell’imposta RC auto, portando l’imposta dal 12,5% al 16%.

Si tratta delle provincie di Padova,  Como, Catania  e Roma.

In caso di leasing l’aliquota da applicare è quella della sede della società di leasing risultante dalla Carta di Circolazione.

Non si applica ai natanti ed ai ciclomotori, per i quali continuerà ad essere applicata l’aliquota del 12,5%.

Posted in: News

Leave a Comment (0) →

Novità 2013 assicurazione RC auto 24.08.2013

Novità del mercato assicurativo inerenti l’assicurazione RC auto per il 2013.

Ecco i cambiamenti sostanziali previsti, ed attuati, per il nuovo anno:

  • Importantissima variazione: non vi sarà più il tacito rinnovo della polizza RC Auto. I contratti avranno scadenza annuale ed il rinnovo potrà essere effettuato previa autorizzazione del Cliente stesso. Restano comunque in vigore i 15 giorni di copertura oltre la data di scadenza della polizza. Riportiamo sotto il Decreto legislativo a riguardo.
  • E’ obbligo della Compagnia Assicuratrice informare il Cliente della scadenza della polizza RC Auto 30 giorni prima della data di fine contratto.
  • Aumento sensibile del premio da pagare per chi ha commesso/causato un incidente con colpa durante l’anno 2012.

Guarda il teso del decreto e vai nel link nella Gazzetta ufficiale del sito della Camera.

Roma, 14 febbraio 2013

OGGETTO: Decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 – Esclusione del tacito rinnovo delle polizze assicurative.

L’articolo 22 del decreto legge n. 179 del 18 ottobre 2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, ha apportato modifiche al decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 “codice delle assicurazioni private”, introducendo l’articolo 170-bis riguardante l’esclusione del tacito rinnovo delle polizze assicurative.

La predetta norma stabilisce che le Compagnie Assicurative debbano stipulare contratti di assicurazione obbligatoria R.C.A., di durata annuale che si risolvono automaticamente alla scadenza naturale e che non possono essere più tacitamente rinnovati.

In proposito, viene precisato che l’impresa di assicurazione è tenuta ad avvisare il contraente della scadenza del contratto con preavviso di almeno 30 giorni e nel contempo a mantenere comunque operante la garanzia prestata con il precedente contratto assicurativo fino all’effetto della nuova polizza ovvero fino al quindicesimo giorno successivo alla scadenza del contratto stesso.

Poiché la norma prevede espressamente l’estensione della copertura assicurativa alla scadenza annuale per un limitato periodo di quindici giorni dalla scadenza, l’assicurato, in attesa di sottoscrivere altro contratto in tempo utile, durante tale periodo può continuare ad esibire il certificato ed il contrassegno scaduti.

Pertanto, mentre la precedente condizione imponeva di verificare la continuità tra la validità di una polizza e la successiva consentendo all’operatore di polizia, nei casi di mancata copertura assicurativa, di orientare l’accertamento dell’illecito anche sull’applicazione dell’articolo 193 del C.d.S., solo se vi era stata disdetta del contratto o comunque mancanza di proroga automatica della polizza, la nuova previsione normativa estende a tutti il beneficio della copertura assicurativa nel predetto periodo di quindici giorni, rendendo di fatto ininfluente tale ulteriore controllo.

Alla luce di quanto esposto, si ritiene non più sanzionabile ai sensi degli articoli 180 e 181 del C.d.S. la circolazione del veicolo con il certificato e il contrassegno assicurativo scaduti, atteso che, la garanzia assicurativa prestata con il precedente contratto è estesa in ogni caso, non oltre il quindicesimo giorno dalla data di scadenza dello stesso.

Posted in: News

Leave a Comment (0) →

26.08.2013 Scatola nera RC Auto

Dopo il Decreto Liberalizzazioni del Governo Monti a fare notiza è la scatola nera per auto che potrà abbassare sensibilmente i costi relativi all’assicurazione RC Auto. Ma come funziona? Chi e come dovrà pagare l’installazione dell’impianto?

Partendo dalla citazione del Decreto indicato, “Nel caso in cui l’assicurato acconsenta all’istallazione di meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo, denominati scatola nera o equivalenti, i costi sono a carico delle Compagnie che praticano inoltre una riduzione rispetto alle tariffe stabilite”, la scatola nera avrà il compito di monitorare tutta una serie di informazioni inerenti alla guida del conducente. Vediamo come funziona.

Il sistema elettronico installato all’interno del dispositivo monitorerà il percorso dell’automobilista nei 40 secondi precedenti all’incidente e nei 10 secondi successivi. E’ importante sottolineare che tale dispositivo deve essere installato sulla propria autovettura a spese della Compagnia Assicurativa. I principali parametri rilevati dalla scatola nera utili per ricostruire la dinamica dell’incidente saranno velocità di crociera, potenza di impatto, apertura degli airbag, temperatura all’interno dell’auto.

L’obiettivo del Decreto è quello di obbligare le Compagnie Assicurative ad una riduzione significativa del premio annuale relativo all’RC Auto. Attendiamo le vostre esperienze qualora qualcuno di voi avesse già deciso di installare il dispositivo ed effettivamente vi sia stata la tanto agoniata riduzione del premio da pagare.

Posted in: News

Leave a Comment (0) →
Page 2 of 2 12